Acido borico

L’acido ortoborico H3BO3 spesso indicato come B(OH)3  il cui nome I.U.P.A.C. è triidrossidoboro è un solido bianco cristallino  sintetizzato per la prima volta dal medico e chimico Wilhelm Homberg per acidificazione di una soluzione acquosa di borace secondo la reazione:

Na2B4O7 + 2 HCl + 5 H2O2 NaCl + 4  H3BO3

L’acido borico è scarsamente solubile in acqua a temperatura ambiente ma è solubile in acqua calda, etanologlicerolo. E’ un composto igroscopico inodore e stabile anche se è molto volatile in presenza di vapore. Ha una struttura planare in cui il boro forma angoli di 120° con tre gruppi –OH e l’acido borico cristallino è costituito da strati di molecole legate tra loro da legami a idrogeno.

acido borico

L’acido borico non si dissocia in soluzioni acquose ma la sua acidità è dovuta all’interazione con le molecole di acqua secondo l’equilibrio:
B(OH)3 + H2O
B(OH)4-. + H+

la cui costante vale 5.8 ∙10-10

A valori di pH compresi tra 7 e 10 se la concentrazione dell’acido è maggiore di 0.025 M si formano i poliborati ed in particolare lo ione tetraborato che peraltro è presente in molti minerali:

B(OH)4-. + 2 H+B4O72- + 9 H2O

Riscaldando l’acido borico alla temperatura di 100 °C si decompone in acido metaborico:

H3BO3 → HBO2 + H2O

L’acido metaborico alla temperatura di 300 °C dà luogo alla formazione dell’acido piroborico:
4 HBO2 → H2B4O7 + H2O

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On