Acidi di Lewis: esempi

Un acido di Lewis è una molecola o uno ione in grado di accettare una coppia di elettroni formando un legame di coordinazione.

Un esempio tipico di acido di Lewis è costituito da specie che hanno un orbitale p vuoto come ad esempio il boro che ha configurazione elettronica 1s2, 2s2, 2p1.

A seguito della promozione di un elettrone dall’orbitale 2s all’orbitale 2p il boro ha tre elettroni spaiati con i quali forma tre orbitali ibridi sp2 che si dispongono planarmente con angoli di 120°. Il boro forma composti del tipo BX3 e ha un orbitale p vuoto.

Secondo Lewis si definiscono basi quellespecie capaci di donare un doppietto elettronico come, ad esempio l’ammoniaca in cui l’azoto ha un doppietto elettronico solitario.

Pertanto una classica reazione acido-base di Lewis è quella tra l’ammoniaca NH3 e il trifluoruro di boro BF3 che formano un addotto:

NH+ BF→ NH∙ BF3

ammoniaca

Formazione di complessi

Gli ioni metallici in soluzione agiscono da acidi di Lewis per dar luogo a un composto di coordinazione. In acqua infatti lo ione metallico coordina intorno a sé un certo numero di molecole di acqua che agiscono da basi di Lewis.

Ad esempio lo ione Fe3+ in acqua dà il complesso esaacquoferro (III) [Fe(H2O)6]3+in cui lo ione Fe3+ agisce da acido di Lewis mentre l’acqua agisce da base di Lewis.

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On