Postulato di Fourier e conduzione del calore

La trasmissione di calore avviene tra due sistemi termodinamici che hanno temperatura diversa e può verificarsi per conduzione, conduzione e irraggiamento.

La conduzione avviene tramite scambio di energia termica all’interno di corpi o tra corpi solidi, liquidi o gassosi a contatto tra loro a causa della cessione di energia cinetica molecolare da zone a temperatura maggiore a zone a temperatura minore. Questo fenomeno è coerente con l’enunciato di Clausius del secondo principio della termodinamica.

Questo tipo di trasmissione del calore è intuitivo ma fu solo nel 1822 che il matematico e fisico francese Jean Baptiste Joseph Fourier nel suo trattato “Theorie analytique de la chaleur” sviluppò questo fenomeno in modo scientifico e rigoroso.

Trasmissione del calore

Si consideri una barretta cilindrica di materiale omogeneo e isotropo le cui estremità siano piane e parallele di superficie A e la cui distanza sia pari a Δx.

Si supponga che le estremità siano mantenute a due temperature T1 e T2 dove T1 > T2 pertanto ΔT = T1 – T2

Se il corpo è isolato il flusso avviene solo nella direzione del suo asse ed è quindi unidimensionale.

L’energia termica che attraversa l’unità di superficie nell’unità di tempo ovvero il flusso termico qx è proporzionale secondo una costante propria del materiale, al gradiente termico lungo la direzione di propagazione del calore ovvero:

qx ∝ A ΔT/ Δx  (1)

Si ha quindi una proporzionalità diretta tra flusso termico, differenza di temperatura e area della sezione e una proporzionalità inversa tra flusso termico e distanza tra le estremità del cilindro.

Conducibilità termica

Il fattore di proporzionalità è detto conducibilità termica del materiale λ.

La conducibilità termica esprime la quantità di calore che passa in 1 secondo attraverso un materiale avente spessore di 1 metro quando ΔT è pari a 1 K.

La conducibilità termica  ha equazione dimensionale [W· m-1· K-1] e identifica il comportamento dei materiali in relazione alla trasmissione del calore.

Materiali isolanti come legno, poliuretano e fibra di vetro hanno una bassa conducibilità termica mentre materiali conduttori come i metalli hanno un elevato valore di conduttività termica.

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On