Blog

Portata di un gas-chimicamo

Portata di un gas

  |   Chimica, Chimica Fisica

La portata di un gas è la quantità di gas che fluisce attraverso una canalizzazione e può essere definita come massa o numero di molecole che attraversano una sezione  nell’unità di tempo

Un altro modo per definire la portata di un gas è   il volume V’ di gas che attraversa una sezione della canalizzazione misurato alla pressione esistente nella canalizzazione. L’unità di misura di V’ nel S.I. è m3/s

La definizione  più comunemente usata in quanto si adatta più facilmente ai calcoli della tecnica del vuoto di portata di un gas è il volume Q di gas normalizzato ad una pressione di riferimento

Si ha quindi

Q = V’P  (1)

Analogia con i circuiti elettrici

la cui unità di misura è m3 Pa/s. La portata Q nei sistemi da vuoto è spesso espressa in lusec in cui lusec = [ mmHg L/s]

Le pareti di una canalizzazione tendono a opporsi al flusso del gas; per analogia con i circuiti elettrici si suppone che l’impedenza Z di un tubo sia uguale al rapporto tra la differenza ΔP della pressione ( differenza di potenziale nei circuiti elettrici) esistente tra le due estremità della canalizzazione. La quantità Q ( intensità di corrente nei circuiti elettrici) da cui questa dipende. La differenza di pressione fa sì che vi sia un passaggio di gas tra la regione a pressione maggiore a quella a pressione minore. La relazione che intercorre tra Z e Q è data dall’espressione:
Z = P1 – P2 / Q

L’inverso di Z ovvero il rapporto Q/ P1 – P2 definisce la conduttanza:

C = Q/ P1 – P2

La conduttanza corrisponde al volume, riferito ad una pressione pari all’unità di gas che attraversa la canalizzazione quando fra i suoi estremi esiste una differenza di pressione unitaria.

Ragionando sempre in analogia con i circuiti elettrici se si hanno più tubi in serie o in parallelo le cui conduttanze siano C1, C2, C3 … la conduttanza del sistema è data, nel caso di un circuito in parallelo da:
C(parallelo) =  C1 + C2 +  C3

e nel caso di un circuito in serie:
1/ C(serie) = 1/C1 + 1/C2 + 1/ C3

Velocità di aspirazione

La velocità di aspirazione S di una pompa di qualsiasi tipo è definita come il volume V’ di gas aspirato dal sistema nell’unità di tempo misurato alla pressione P. Dalla (1) si ha

S = Q/P

La quantità Q di gas è quella che attraversa una sezione qualunque del sistema mentre P è la pressione misurata alla bocca della pompa.

Una pompa nella maggior parte dei casi viene collegata tramite una conduttanza. La velocità di aspirazione all’ingresso del recipiente può risultare notevolmente inferiore rispetto a quella della pompa stessa. Se So è la velocità di aspirazione della pompa e C è la conduttanza di allacciamento, la velocità S di aspirazione che interessa è data da:
1/S = 1/So + 1 /C

Da cui S = SoC/So+C

Questa relazione è di fondamentale importanza nel progetto di un impianto da vuoto: essa indica che è sempre conveniente, quando è possibile, per un buon uso delle pompe collegarle con C >> So. Infatti in questo caso la velocità di aspirazione nel recipiente sarà circa uguale a quella della pompa: S ≅ So

Nel caso in cui C << So la velocità di aspirazione risulta limitata alla velocità della canalizzazione

 

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi