Titolazioni con EDTA

L’ EDTA ovvero l’acido etilendiamminotetracetico è un acido poliammino carbossilico solubile in acqua dotato di due doppietti elettronici appartenenti all’azoto. La sua base coniugata è l’etilendiamminotetracetato. E’ un agente chelante esadentato ovvero ha la capacità di “sequestrare” ioni metallici quali Ca2+, Mg2+ e Fe3+.

EDTA

l’etilendiamminotetracetato di sodio forma quattro legami di coordinazione con cationi metallici a valori di pH ≤ 12.

Pertanto l’EDTA  viene utilizzato nelle titolazioni complessometriche.

La durezza totale di un’acqua viene determinata titolando un’aliquota di acqua con una soluzione standardizzata di EDTA . La reazione che avviene è la seguente:

H2EDTA2- + Ca2+ CaEDTA2- + 2 H+

Lo ione complesso CaEDTA2- è molto stabile a pH = 10 e a questo valore la titolazione procede fino a completezza. Le titolazioni complessometriche che utilizzano l’EDTA vengono effettuate, tra l’altro, per la determinazione della durezza di un’acqua tramite determinazione quantitativa dello ione Ca2+ e Mg2+.

Per convenzione la durezza di un’acqua viene espressa in ppm di carbonato di calcio, ignorando il contributo dovuto ai sali di magnesio.

Dato che la massa molecolare di CaCO3 è pari a circa 100 g/mol una durezza di 1000 ppm corrisponde ad una concentrazione totale di calcio e magnesio di 0.01 M.  Nella il punto finale viene evidenziato con un indicatore metallocromico che sia un chelante contenente un gruppo cromoforo ad elevata selettività. L’indicatore più usato per tale tipo di titolazione è il Nero eriocromo T che contiene il cromoforo azo-

Nero eriocromo T

Per effettuare tale titolazione si deve preparare una soluzione standard di EDTA infatti i prodotti in commercio non sono abbastanza puri per essere usati come standard primari. Il composto che viene usato per scopi analitici è il sale disodico di formula Na2H2EDTA∙ 2 H2O. La soluzione viene tamponata a pH 10 usando il tampone idrossido di ammonio/ammoniaca.

Procedura.

25.00 mL di acqua vengono addizionati a 25 mL di acqua distillata e si aggiungono 5 mL della soluzione tamponata a pH = 10. Si aggiungono poche gocce di indicatore e si titola con EDTA 0.05 M fin quando la colorazione vira dal rosso al blu.

Calcoli: supponiamo che 50.00 mL di una soluzione richiedano 25.55 mL di una soluzione di EDTA 0.0149 M. Per calcolare la concentrazione dello ione Ca2+ in termini di ppm di CaCO3 si procede con i seguenti calcoli:

0.0149 mol EDTA/L ∙ 0.02555 L ( 1 mol EDTA/ 1 mol Ca2+) = 0.000381 mol Ca2+

0.000381 mol Ca2+ ( 1 mol CaCO3/ 1 mol Ca2+) ( 100.09 g CaCO3/ 1 mol CaCO3) = 0.0381 g CaCO3

ppm CaCO3 = mg CaCO3/ L (soluzione) = 38.1 mg/ 0.02500 L = 762

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On