Spettrometria per mobilità ionica

Tali ioni reagendo successivamente con le molecole di analita con processi di trasferimento di carica, protonazione e deprotonazione generano gli ioni prodotto.

Le velocità degli ioni prodotto sono misurate attraverso un tubo di deriva in cui è presente una miscela gassosa di azoto, argon e elio.

Gli ioni si muovono sotto l’influenza di un debole campo elettrico E con una velocità vD e la mobilità dello ione in una determinata miscela gassosa è data da:

vD = KE

essendo K misurato sperimentalmente sulla base del tempo t che impiega lo ione ad attraversare il tubo di deriva di lunghezza L riempito con una determinata miscela gassosa:
K = L/tE

Poichè K dipende dalla temperatura e dalla pressione, a scopi pratici si usa la mobilità ionica normalizzata K0 definita dalla seguente equazione:

K0 = K(273/T)(p/760)

È spesso utile dedurre informazioni sulla struttura di ioni specifici utilizzando una sezione trasversale di collisione determinata sperimentalmente per un determinato ione che rappresenta la superficie media della molecola che interagisce con il gas inerte secondo un moto tridimensionale.

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On