Proprietà acide e basiche dei solventi

Molti solventi possono manifestare proprietà acide o basiche e pertanto possono essere classificati in solventi acidi o protogenetici, solventi basici o protofili, solventi anfiprotici (che possono agire, a seconda delle condizioni, sia da donatori che da accettori di protoni ) e solventi inerti o aprotici.

Il carattere anfiprotico è riscontrabile, in misura più o meno notevole, in tutti i solventi salvo che per i solventi aprotici. La caratteristica di un solvente anfiprotico è quella di subire l’autoprotolisi o autoionizzazione; ad esempio:

H2O + H2O H3O+ + OH

CH3OH + CH3OH CH3OH2+ + CH3O

CH3COOH + CH3COOH CH3COOH2+ + CH3COO

NH3 + NH3 NH4+ + NH2

Per ogni solvente il grado di autoprotolisi è dato dalla costante di autoprotolisi che per l’acqua è più comunemente chiamato prodotto ionico dell’acqua.

Per un generico solvente anfiprotico HX soggetto all’equilibrio:

HX + HX H2X+ + X

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On