Blog

Cromatografia liquida ad alta prestazione-chimicamo

Cromatografia liquida ad alta prestazione

  |   Chimica, Chimica Analitica

La cromatografia liquida ad alta prestazione nota con l’acronimo di HPLC dall’inglese High Performance Liquid Chromatography  serve a separare e caratterizzare sia qualitativamente che quantitativamente i componenti presenti in una miscela presente in soluzione.

La tecnica sfrutta l’equilibrio di affinità dei vari componenti tra una fase stazionaria  posta all’interno di una colonna e una fase mobile che fluisce attraverso essa.

Strumentazione

Gli elementi costitutivi dell’apparecchiatura HPLC sono:

  • Contenitori per la fase mobile in cui si trovano i solventi che, devono essere puri e pertanto i contenitori sono integrati con degasatori, distillatori e sistemi di filtraggio.
  • Pompe che possono essere pompe alternative a pistone, pompe a siringa e pompe pneumatiche
  • Sistemi di introduzione del campione. Il campione è iniettato nella colonna da un iniettore in grado di gestire volumi di campione compresi tra 0,1 e 100 mL ad alte pressioni
  • Colonna normalmente realizzata in acciaio inossidabile e sono lunghe 50 – 300 mm con un diametro interno di 2 – 5 mm.
  • Riempimento della colonna che è impaccata con la fase stazionaria. Essa può a sua volta essere polare come la silice o apolare come idrocarburi a lunga catena fatti adsorbire dalla silice.
  • Rivelatori che possono essere di vari tipi tra cui rivelatori ad assorbanza, a serie di diodi, elettrochimici, a fluorescenza e a spettrometro di massa. Il segnale proveniente dal rivelatore viene ricevuto dai registratori che sono utilizzati per elaborare, archiviare e riprodurre dati cromatografici.

La fase mobile può essere di tipo non polare come, ad esempio, n-esano o di tipo polare come, ad esempio, etanolo.

Il solvente è fatto fluire tramite l’impiego di pompe che permettono la circolazione della fase mobile, ne mantengono il flusso e la pressione durante l’analisi.

Tramite una siringa è iniettata nella colonna una piccola quantità di campione che viene spinto ad
attraversare la fase stazionaria dalla fase mobile applicando pressioni dell’ordine delle centinaia di atmosfere.

I componenti della miscela sono separati sulla base delle loro interazioni con le particelle della fase stazionaria e identificati dal rivelatore che fornisce il cromatogramma

Applicazioni

L’HPLC è utilizzato in campo chimico, biochimico o farmaceutico per:

  • Analisi qualitativa e separazione di composti come farmaci, sali, proteine, medicinali a base di erbe
  • Analisi quantitativa per determinare la concentrazione di un componente
  • Preparazione di sostanze pure per studi clinici e tossicologici
  • Analisi delle tracce di componenti presenti in concentrazioni molto basse come inquinanti nelle analisi ambientali
  • Analisi di miscele polimeriche
Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi