Blog

Xantina

  |   Biochimica, Chimica

La xantina il cui nome I.U.P.A.C. è 3,7-diidropurina-2,6-dione è una base di tipo purinico avente formula C5H4N4O2 e struttura

Il nome deriva dal greco ξανθός che significa giallo per il colore che assume, insieme ai suoi derivati, quando vengono trattati con acido nitrico.

Biosintesi

È un prodotto della degradazione delle purine e può essere ottenuta dalla:

  • ipoxantina grazie all’azione dell’enzima xantina ossidasi

  • dalla xantosina grazie all’azione dell’enzima purina nucleoside fosforilasi

Una volta che si è formata la xantina essa è convertita in acido urico dall’enzima xantina ossidasi tramite la reazione:

xantina + H2O + O2 → acido urico + H2O2

Derivati della xantina

Esiste in natura sotto forma di vari derivati metilati che presentano uno, due o tre gruppi metilici legati rispettivamente agli atomi di azoto. Essi costituiscono un gruppo di alcaloidi detti metilxantine.

I derivati più noti  sono la caffeina presente nelle piante di caffè, la teobromina presente nelle piante di cacao, la teofillina contenuta nelle foglie del tè e la paraxantina che sono degli stimolanti del sistema nervoso centrale

I derivati xantinici e in particolare la teofillina sono usati per il sollievo di broncospasmo causato da asma o malattia polmonare ostruttiva cronica.