Blog

Coenzima Q10

  |   Biochimica

Il coenzima Q10, detto anche ubidecarenone, è un benzochinone presente nei mitocondri della maggior parte delle cellule eucariotiche ed è coinvolto nel trasporto degli elettroni e nella respirazione cellulare. È presente in vari sistemi di membrane cellulari e può trovarsi in tre stati di ossidazione:

  • completamente ossidato e denominato ubichinone CoQ10
  • parzialmente ossidato e detto semichinone CoQ10H
  • completamente ridotto e detto ubichinolo CoQ10H2

Pertanto agisce come vettore di due elettroni passando da ubichinone a ubichinolo e di un elettrone passando da semichinone a ubichinone o ubichinolo. Ha un ruolo centrale nella fosforilazione ossidativa mitocondriale e nella produzione di ATP.

È  sintetizzato dall’organismo ma può essere ottenuto dalla dieta essendo presente in pesci qualisalmone e tonno, fegato e cereali integrali.

Struttura

È costituito da un gruppo 1,4-benzochinone legato a 10 unità isopreniche

struttura Coenzima 10La sigla Q10 deriva da quinone (chinone in inglese) e 10 quante sono le unità isopreniche

Proprietà

È una molecola liposolubile altamente idrofobica, pertanto poco solubile in acqua e si presenta di colore da arancione a rosso scuro

Ha  proprietà antiossidanti e stabilizzanti della membrana che servono a prevenire i danni cellulari che derivano dai normali processi metabolici.

È definito un “marcatore biomolecolare dell’invecchiamento” in quanto dopo i 30 anni il suo livello nella pelle decresce vistosamente con conseguente riduzione della velocità di produzione di collagene ed elastina

È un energico antiossidante ed è ampiamente presente nelle composizioni cosmetiche sotto forma di liposomi, nanoparticelle lipidiche, ed emulsione come agente protettivo, per prevenire l’invecchiamento cutaneo e il fotoinvecchiamento.

Funzioni

A differenza di altri antiossidanti lipofili esogeni, che di solito sono acquisiti da fonti alimentari, il coenzima Q10 può essere prodotto per via endogena. In particolare l’ubichinolo è un efficace spazzino di radicali liberi, che previene il processo di perossidazione lipidica nelle membrane biologiche.

Sintesi dell’ATP

La conversione dell’energia da carboidrati e lipidi in ATP richiede la presenza del coenzima Q10 che accetta gli elettroni da riducenti generati durante il metabolismo degli acidi grassi e del glucosio e li trasferisce agli accettori di elettroni.

Allo stesso tempo, il coenzima Q10 contribuisce a trasferire ioni H+ dalla matrice mitocondriale allo spazio intermembrana, creando un gradiente protonico attraverso la membrana mitocondriale interna. L’energia rilasciata quando i protoni rifluiscono nell’interno del mitocondrio è utilizzata per formare ATP

Funzioni antiossidanti

Nella sua forma ridotta è un efficace antiossidante liposolubile che protegge le membrane cellulari e le lipoproteine ​​dall’ossidazione.

Il  CoQ10H2 inibisce la perossidazione lipidica quando le membrane cellulari e le lipoproteine ​​​​a bassa densità sono esposte a condizioni ossidanti. Inoltre il CoQ10 protegge le proteine ​​di membrana e il DNA mitocondriale dal danno ossidativo che accompagna la perossidazione lipidica.

È  stato riscontrato che il CoQ10H2 limita la formazione di lipidi ossidati e il consumo di α-tocoferolo con proprietà antiossidanti. Infatti, oltre a neutralizzare direttamente i radicali liberi, è in grado di rigenerare antiossidanti come l’α-tocoferolo e l’ascorbato.

Integratori

Il coenzima Q10 non è approvato dalla FDA  (Food and Drug Administration ) e dall’ ’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) per il trattamento di alcuna condizione medica, ma è disponibile come integratore alimentare e raccomandato sia dai fornitori di cure primarie che dagli specialisti.