Google+
ad uso ed abuso degli studenti...

Copolimeri


Per migliorare le prestazioni e diversificare le applicazioni dei polimeri sono stati sintetizzati i copolimeri partendo da due o più tipi di monomeri diversi.

A seconda delle condizioni di reazione, del meccanismo e del tipo di catalizzatore usato, detti A e B rispettivamente due monomeri diversi, di possono ottenere vari tipi di copolimeri:

1)      copolimeri random o statistici

in cui le unità monomeriche si trovano legate secondo una distribuzione casuale come, ad esempio, -ABBAABABBABBBAA-

2)      copolimeri alternati

in cui le unità monomeriche si trovano legate in modo regolare e in quantità equimolari come, ad esempio, – ABABABABABABAB-

3)      copolimeri a blocchi

in cui una sequenza di un tipo di monomero è alternata con una sequenza dell’altro monomero come, ad esempio, -AAAAABBBBBBBAAAAABBBBBBBBAAAAA-

4)      copolimero innestato o graft

in cui alla catene principale costituita dallo stesso tipo di monomero sono legate catene dell’altro monomero come, ad esempio, -AAAAAAA(BBBB)AAAAAAA(BBBBBB)AAAAA-

Copolimerizzazione per addizione

Copolimeri random si ottengono per copolimerizzazione di miscele equimolari di diversi monomeri. La copolimerizzazione dello stirene con il metilmetacrilato procede in modo diverso a seconda del meccanismo. Se la polimerizzazione avviene infatti per via radicalica si ottiene un copolimero random mentre se la polimerizzazione avviene per via cationica si ottiene prevalentemente il polistirene; la polimerizzazione anionica dà il polimetilmetacrilato. Se le reattività dei monomeri sono diverse la composizione dl copolimero può essere influenzata dalla continua immissione di una miscela di monomeri.

La formazione di copolimeri alternati è favorita quando i monomeri hanno diversi sostituenti polari ed entrambi hanno reattività simile nei confronti dei radicali come nel caso di stirene e acrilonitrile.

Tra i copolimeri più noti ottenuti per addizione ricordiamo:

Monomero A

Monomero B

Copolimero

H2C=CHCl cloroetene H2C=CCl2  1,1-dicloroetene [-CH2-CCl2– ]n  poli(1,1-dicloroetene)
H2C=CHC6H5 feniletilene (stirene) H2C=CH-CH=CH2 1,3-butadiene Gomma stirene-butadiene (SBR)
H2C=CH-CN  2-propenitrile H2C=CH-CH=CH2 1,3-butadiene Poliacrilonitrile PAN
H2C=C(CH3)2  2-metilpropene H2C=CH-CH=CH2 1,3-butadiene Gomma di butile

 

Molti copolimeri possono essere ottenuti da una spontanea polimerizzazione con un preciso controllo del peso molecolare; l’uso di opportuni iniziatori fa sì che avvenga un processo radicalico come nel caso di polimeri random quando il rapporto tra la reattività dei rispettivi monomeri è ugale circa a uno.

I copolimeri innestati possono essere ottenuti da un monomero a basso peso molecolare e da un macromonomero. Le ramificazioni possono essere distribuite in modo omogeneo o eterogeneo a seconda del rapporto tra la reattività dei due monomeri

Autore: Chimicamo

Condividi il post su