Google+
ad uso ed abuso degli studenti...

Acido 3-cloroperossibenzoico


L’acido 3-cloroperossibenzoico meglio noto come acido meta- cloroperossibenzoico (mCPBA) è un perossiacido organico avente formula C7H5ClO3.

Presenta il gruppo funzionale tipico dei perossiacidi –COOOH in posizione meta rispetto al cloro

acido-3-cloroperossibenzoico

L’acido 3-cloroperossibenzoico è un energico agente ossidante e viene preferito agli altri perossiacidi in quanto è più stabile; esso si presenta sotto forma di polvere bianca che va tenuta a basse temperature stante la sua infiammabilità. Ha un potere ossidante maggiore rispetto al perossido di idrogeno ed altri agenti ossidanti, è altamente selettivo e dà luogo a prodotti con alto grado di purezza e con un’alta resa.

E’ igroscopico solubile in solventi poco polari come diclorometano, triclorometano, acetato di etile, 1,2-dicloroetano, etanolo, t-butanolo, etere dietilico e in solventi non polari come benzene mentre è scarsamente solubile in n-esano, tetracloruro di carbonio ed è insolubile in acqua.

Se presenta un grado di purezza maggiore del 70% è potenzialmente esplosivo.

E’ usato prevalentemente in molte reazioni di ossidazione tra cui:

  • Epossidazione delle olefine detta anche reazione di Prilezhaev

prilezhaev-reaction

baeyer-villiger-oxidation

Se il chetone di partenza è ciclico, la reazione porta alla formazione di un lattone

lattone

  • Ossidazione di Rubottom in cui da un etere silil-enolico si ottiene un’aciloina ovvero un composto che presenta un gruppo idrossilico in posizione α a un carbonile

ossidazione-di-rubottom

  • Eliminazione di Cope in cui da un’ammina terziaria si ottiene un alchene e una idrossilammina

cope

RNH2 → RNO2

R-I → R-OH

Autore: Chimicamo

Condividi il post su