Effetto della coppia inerte
Ott05

Effetto della coppia inerte

Gli elementi più pesanti dei gruppi 13, 14, 15 e 16 mostrano l’effetto della coppia inerte: con questo termine si indica la scarsa tendenza a reagire degli elettroni che si trovano nel livello s più lontano dal nucleo. La conseguenza dell’effetto della coppia inerte si traduce in una maggiore stabilità dei numeri di ossidazione di due unità inferiore rispetto al massimo numero di ossidazione possibile per gli elementi del gruppo. Quindi gli elettroni di valenza ns2  ed in particolare gli elettroni 5s2 e 6s2 degli elementi metallici che seguono il secondo e il terzo periodo dei metalli di transizione sono meno reattivi pertanto l’indio e il tallio, il piombo e lo stagno, l’antimonio e il bismuto e a volte tellurio e polonio appartenenti rispettivamente ai gruppi 13, 14, 15 e 16 hanno  un numero di ossidazione più stabile inferiore di due unità rispetto agli altri elementi del gruppo. Il termine fu coniato dal chimico britannico Nevil Sidgwick nel 1927 per indicare che in taluni elementi gli elettroni s sono più legati al nucleo e quindi possono essere ionizzati con maggiore difficoltà. Ad esempio, sebbene il numero di ossidazione +3, sia il più comune tra gli elementi del Gruppo 13, il tallio ovvero l’elemento più pesante del gruppo ha come numero di ossidazione più comune +1. Questo comportamento viene spiegato oltre che dalla carica nucleare effettiva dalle seguenti proprietà periodiche: raggio atomico e energia di ionizzazione. Il raggio atomico aumenta dall’alto verso il basso lungo un gruppo mentre l’energia di ionizzazione diminuisce dall’alto verso il basso lungo un gruppo. In tabella vengono riportate, per gli elementi del gruppo 13, la configurazione elettronica, l’energia di prima ionizzazione ovvero l’energia necessaria per allontanare l’elettrone che si trova nel livello p e la somma della prima, seconda e terza energia di ionizzazione ovvero l’energia necessaria per allontanare sia l’elettrone p che i due elettroni del livello s. Elemento Configurazione elettronica E1 = Energia di prima ionizzazione kJ(mol) E1 + E2 + E3 kJ/mol Boro [He] 2s2, 2p1 801 6828 Alluminio [Ne] 3s2, 3p1 578 5139 Gallio [Ar] 3d10, 4s2, 4p1 579 5521 Indio [Kr] 4d10, 5s2, 5p1 558 5083 Tallio [Xe] 4f14, 5d10, 6s2, 6p1 589 5439 Sia  l’energia di prima ionizzazione che la somma delle prime tre energie di ionizzazione decrescono come c’era da attendersi del boro all’alluminio, tali energie risultano crescenti per gli elementi successivi in contrasto con quanto previsto dalle proprietà periodiche il che indica che gli elettroni del gallio, indio e tallio non sono ben schermati dagli orbitali d e f risultando quindi più difficili da ionizzare in quanto risentono di una maggiore carica nucleare di quella...

Leggi tutto