Coltan: il costo dei cellulari
Mag27

Coltan: il costo dei cellulari

Con il termine coltan si indica una miscela di columbite e tantalite minerali che contengono rispettivamente ossidi di niobio il cui nome antico era columbio e di ossidi di tantalio. Il tantalio è un elemento raro e scarsamente disponibile che viene utilizzato nella realizzazione di condensatori al tantalio caratterizzati da efficienza volumetrica elevata e stabilità nel tempo e in temperatura per il mondo dell’elettronica ed in particolare negli smartphone per ottenere componenti miniaturizzati. Stante la domanda sempre crescente di dispositivi elettronici ed in particolare di telefoni cellulari i paesi in cui sono presenti giacimenti di coltan o di tantalite godono di un’incredibile fonte di ricchezza. Il coltan si trova in alcuni paesi come l’Australia, il Brasile e il Canada ma anche in nel nord-est della Repubblica Democratica del Congo in cui si perpetua una terrificante violazione dei diritti umani. Nelle miniere lavorano in uno stato disastroso donne e bambini in condizioni di sfruttamento e riduzione alla schiavitù in cambio di salari irrisori e spesso i bambini vengono sottratti alle loro famiglie e costretti a lavorare gratis. I piccoli corpi dei bambini che a volte hanno solo 5 anni costituiscono un valido mezzo di accesso ai punti più angusti e impervi delle miniere ed è su di essi che si attua un vero e proprio crimine. Costretti a lavorare per 15 ore di media al giorno e fino a 72 ore consecutive a mani nude la maggior parte dei bimbi che sopravvivono ai gas che si sprigionano e agli stenti non arrivano al compimento del trentesimo anno di età. Il coltan contiene inoltre piccole quantità di uranio e quindi lavorando senza alcuna protezione si verificano anche negli adulti numerosi casi di tumore. Il controllo delle zone minerarie che porta a guadagni immensi ha innescato una lotta tra fazioni di gruppi armati che si contendono i lauti guadagni e hanno interesse a mantenere una situazione di precarietà e violenza per poter affliggere con le loro angherie le popolazioni poverissime e inermi che subiscono i conflitti generati che sono costati negli ultimi decenni circa 5 milioni di morti. Una volta estratto il coltan viene trasportato dalla miniera ai punti di raccolta e ciò avviene grazie ai “portatori” costretti a camminare a piedi per lunghi tratti con enormi carichi che portano a spalla e, a causa di queste condizioni disumane spesso muoiono di stenti o di incidenti lungo il percorso. Si suppone inoltre che questo scempio avvenga con la connivenza delle forze governative corrotte ed in particolare dell’esercito. Gli Stati Uniti d’America hanno vietato già dal 2010 alle industrie americane l’acquisto di coltan proveniente da zone in cui non vengono rispettati i diritti umani...

Leggi tutto